Psicoanalisi&Cinema

Lunedì 12 Giugno, ore 20.30 presso la nostra sede di Viale Kennedy 47 a Pescara

Ultimo imperdibile appuntamento del ciclo "Psicoanalisi&Cinema" del Laboratorio Psicoanalitico di Pescara

Black Mirror - Caduta Libera

Trama: Lacie (interpretata da Bryce Dallas Howard) è la protagonista di questo episodio, in cui tutte le persone, attraverso degli impianti alle retine ed il supporto tecnologico degli smartphone, sono valutati fino ad un punteggio massimo di cinque stelle, punteggio visibile da chiunque. 
Ogni interazione è seguita da una valutazione che influisce sul proprio punteggio, ed ognuno possiede un feed in cui condividere le proprie azioni ed interagire con la propria rete sociale. 
In questo universo la reputazione è la discriminante della propria posizione sociale e corrisponde alla prima impressione che si offre agli altri.

Continua a leggere l'articolo --> http://bit.ly/2syY9pB

L'episodio, definito dai più come “una satira sociale”, è scritto dalla brillante Rashida Jones con Charlie Brooker e Michael Schur. Diretto da Joe Wright.

Dopo la presentazione del filmato ci sarà un dibattito in cui verranno approfonditi i temi trattati.

 


 INGRESSO GRATUITO - POSTI LIMITATI

 Per info e ISCRIZIONI contattate il Laboratorio Psicoanalitico

 lasciando un messaggio in segreteria al numero 085 75295 o

 scivendo a lab.psicoanalitico.pescara@gmail.com


 

 

 

 

Secondo appuntamennto dell'evento organizzato da Laboratorio Psicoanalitico di Pescara Psicoanalisi e Cinema
Il film scelto per questa occasione è Thomas in Love un film del 2000 diretto da Pierre Paul Renders.


Di seguito, brevemente, la trama:
Thomas ha trentadue anni e da otto non esce di casa; vive costantemente connesso a internet con il suo computer e ad una webcam. Sulla rete effettua le visite mediche, ordina il cibo e ciò che gli occorre per vivere. La sua agorafobia lo rende incapace di confrontarsi con il mondo esterno, di avere contatti umani che non siano telematici.

Vi aspettiamo lunedì 27 marzo, alle ore 20.30, presso la sede di viale Kennedy 47.

Seguirà un dibattito per trattare e approfondire i numerosi e interessanti temi del film.


 

INGRESSO GRATUITO - POSTI LIMITATI

Per info e ISCRIZIONI contattate il Laboratorio Psicoanalitico

lasciando un messaggio in segreteria al numero 085 75295 o

scivendo a lab.psicoanalitico.pescara@gmail.com


 

Psicoanalisi e Cinema

E' partita la nuova iniziativa del Laboratorio Psicoanalitico di Pescara.
Il primo dei tre appuntamento si è svolto ieri Lunedì 30 Gennaio alle ore 20.30 presso la sede di viale Kennedy 47

Il film scelto per questo incontro è "Her" (Lei) un film di Spike Jonze uscito nelle sale nel 2013.


Trama:

Theodore è impiegato di una compagnia che attraverso internet scrive lettere personali per conto di altri, un lavoro grottesco che esegue con grande abilità e a tratti con passione.

Da quando si è lasciato con la ragazza che aveva sposato però non riesce a rifarsi una vita, pensa sempre a lei e si rifiuta di firmare le carte del divorzio. Quando una nuova generazione di sistemi operativi, animati da un'intelligenza artificiale sorprendentemente "umana", arriva sul mercato, Theodore comincia a sviluppare con essa, che si chiama Samantha, una relazione complessa oltre ogni immaginazione.

Continua a leggere

Articolo tratto da MyMovies.it

 

Primo incontro Psicoanalisi&Cinema

Film: Her

La prima pellicola che Il Laboratorio ha scelto di commentare per l’iniziativa Psicoanalisi e Cinema, con il filone tematico le tecnologie e come esse influiscono sulle relazioni, è Her.

Un film del 2013 scritto e diretto da Spike Jonze ambientato a Los Angeles che descrive un futuro non troppo lontano nel quale il progresso tecnologico fornisce mezzi sempre più efficaci nel favorire l’interazione uomo macchina così che i computer hanno un ruolo di primissimo piano nella vita delle persone.

E’ proprio in questa realtà che Theodore, un uomo solitario ed introverso che si guadagna da vivere scrivendo lettere per conto di altri, inizia una relazione d’amore con Samantha.

Samantha non è, come si potrebbe pensare, una ragazza ma è un sistema operativo dotato di intelligenza artificiale in grado di evolversi, simulare le facoltà mentali complesse ed adattarsi alle esigenze dell’utente.

Il film mette in scena in maniera magistrale il progredire di questo rapporto sul filo della tecnologia e delle sue implicazioni negli affetti e nei vissuti. 

Scritto dalla dott.ssa Ida Cicalini